Home » AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, IN EVIDENZA, SECONDO PIANO » Agrigento.Vertenza rifiuti.Cgil,Cisl e Uil rispondono all’Assessore Fontana dopo la conferenza stampa

Agrigento.Vertenza rifiuti.Cgil,Cisl e Uil rispondono all’Assessore Fontana dopo la conferenza stampa

Cgil-Cisl-e-Uil

 

Apprendiamo dai mezzi d’informazione che l’Amministrazione comunale di Agrigento ha tenuto una conferenza  sulla ennesima riduzione di personale operato nel cantiere della città; lo stesso ha invitato le OO. SS. a spiegare alcune cose. Nell’accogliere l’invito con questa nota ribadiamo alcuni dati molto semplici per evitare che l’Assessore Fontana si illuda che continuando a puntare il dito in cielo qualcuno possa guardare il dito e non la luna.

iniziamo a spiegare perchè le segreterie regionali hanno chiesto al Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti  di verificare gli atti del comune di Agrigento considerato che lo stesso ha approvato un Piano d’Ambito con  175 unità (43 a tempo parziale)  ed il comune oggi ha 106 unità a tempo pieno (120 compreso i tempi parziale), insomma,vorremmo sapere semplicemente se ha sbagliato la SRR a redigere il suddetto Piano e di conseguenza avrebbe sbagliato anche il Dipartimento Regionale ad approvarlo o ha sbagliato il comune a licenziare 55 lavoratori.ribadiamo, vorremmo sapere semplicemente chi dei due ha sbagliato.ribadiamo, che se non ci saranno i licenziamenti, e continuiamo con pazienza a lavorare per questo obiettivo,  non   è merito del comune di Agrigento che NON RISPETTA IL PIANO D’AMBITO ma di quei comuni che rispettano il piano d’Ambito. se ogni sindaco si comportasse come quello di Agrigento chi avrebbe assunto i 55 lavoratori ritenuti in  esubero dal comune di Agrigento? L’Assessore Fontana addossa la responsabilità dell’eventuale mancata ricollocazione in altri cantieri ai sindacati; se non si trattasse di cose  gravi che si ripercuotono sulla serenità delle famiglie ci scapperebbe da ridere. Lui pensa che qualcuno avrebbe ” scommesso  sul fatto che il comune potesse tornare indietro sulle sue decisioni”; gli rispondiamo, che il nostro rapporto quotidiano con i lavoratori è tale che molto spesso il rapporto reciproco è amicale, altro che scommettere sulla pelle di persone con cui  siamo abituati a passare le nostre giornate insieme.   Affermare che il comune  “non torna indietro qualunque cosa accada” non ci sembra una dichiarazione da “uomini saggi”, ma semplicemente da uomini che non hanno la sensibilità di comprendere quale dramma c’è dietro ogni famiglia. qualche lavoratore ci ha riferito che il proprietario dell’appartamento dove vive in affitto  gli ha detto che trovandosi a rischio del posto di lavoro deve lasciare la casa; un’altro ci ha riferito che avrebbe deciso di mettere su famiglia ma con questa minaccia continua non trova il coraggio di avventurarsi; i mutui da pagare ecc. ecc. Comprendiamo che certa politica abituata a speculare con arroganza e cinismo sulla pelle dei lavoratori queste cose non le comprende. Ovviamente, per quanto ci riguarda non chiediamo  assistenza sociale, nessun pietismo SEMPLICEMENTE IL RISPETTO DELLE REGOLE.

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=92656

Scritto da su ago 11 2017. Archiviato come AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, IN EVIDENZA, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

Clicca per andare al sito

© 2017 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes