udc
Home » ARCHIVIO ARTICOLI, PRIMO PIANO, SECONDO PIANO » Prossimo settimana graduatoria per l’Ape Sociale

Prossimo settimana graduatoria per l’Ape Sociale

Riforma-Pensioni-Novità-APe-Social-Gentiloni-firma-il-decreto-attuativo-domande-dall’1-maggio

Si avvicina la conclusione del monitoraggio delle domande per l’Ape sociale e per il beneficio contributivo dei lavoratori precoci. L’Inps dovrà comunicare entro il prossimo 15 Ottobre la definitiva accettazione delle istanze con la relativa individuazione della decorrenza del trattamento ad oltre 66mila lavoratori che hanno presentato la domanda entro il 15 luglio scorso.

Gli interessati già dal mese scorso possono visionare la sussistenza o meno dei requisiti, tramite il cassetto online. Entrando all’interno dell’area personale del sito inps è possibile, infatti, controllare la presenza della dicitura “sì diritto se rientra tra gli ammessi“, frase che indica il positivo accertamento dei requisiti di legge (es. accertamento di una disoccupazione a seguito di licenziamento o dimissioni per giusta causa, accertamento dell’invalidità pari o superiore al 74%, eccetera). Si tratta di una risposta interlocutoria, per quella definitiva occorre appunto attendere la conclusione della procedura di monitoraggio in base alle domande pervenute e alle risorse a disposizione.

Il Ministero del Lavoro ha calibrato l’intervento, infatti, su un totale di circa 60mila domande per il 2017 destinando per 300 milioni di euro per l’ape sociale e 370 milioni di euro per la pensione anticipata per i cd.lavoratori precoci. Mentre quelle pervenute entro lo scorso 15 luglio sono risultate superiori a 66mila. Ove le risorse siano insufficienti a garantire l’evasione di tutte le domande positivamente accertate l’Inps dovrà individuare una platea di esclusi (saranno penalizzati i più distanti dalla pensione e coloro che hanno presentato in ritardo la domanda di verifica delle condizioni) ai quali sarà comunicato il posticipo della decorrenza della prestazione (APe Social o pensionamento precoci) all’anno successivo. La questione è delicata e non a caso la legge di bilancio potrebbe intervenire stanziando ulteriori fondi per scongiurare tale rischio.

pensionioggi

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=94693

Scritto da su ott 10 2017. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, PRIMO PIANO, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2017 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes