Home » AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA » Nuccia Palermo affianca i panificatori della città. Il Consigliere: La categoria chiede all’Ente che si rispetti la legge

Nuccia Palermo affianca i panificatori della città. Il Consigliere: La categoria chiede all’Ente che si rispetti la legge

Vice Segretario Provinciale

Vice Segretario Provinciale

Sono stati già protocollati 6 quesiti in Question Time che intendono interrogare l’amministrazione attiva sull’avvenuto corretto recepimento e sul rispetto del Decreto Regionale del 10/10/2017 avente ad oggetto la regolamentazione della panificazione. Un decreto che impone al Sindaco sia di stabilire all’interno del proprio territorio, sentite le rappresentanze di categoria, una turnazione per la panificazione relativamente ai festivi e alle domeniche sia una vigilanza su di un settore che soffre una percentuale notevole di abusivismo  .

Non potevo non rispondere al grido d’aiuto lanciatomi da un’intera categoria con tanto di richiesta scritta e di decine di firme apposte – scrive il consigliere indipendente, Nuccia Palermo- soprattutto se quel grido invoca il rispetto della legge a partire dall’amministrazione comunale“.

Nei sei quesiti, infatti, il consigliere interroga gli Assessori ai rami di competenza, rispettivamente Battaglia per la polizia municipale e Amico per le attività produttive, sulle modalità ufficiali con le quali il nostro Ente ha recepito il decreto regionale. Un decreto chiaro che impone il divieto di panificazione per le giornate domenicali e festive ad eccezione per le attività inserite all’interno di un’ufficiale turnazione che il primo cittadino deve garantire. Ricordando che sono previste sanzioni pesanti ai trasgressori che vanno dai 3.000,00 ai 9.000,00 euro.

“Il divieto di panificazione domenicale e festiva, che non riguarda la vendita ma la sola attività di produzione del pane e similari – sottolinea Nuccia Palermo- è volto a garantire il diritto al riposo, alla salute e al godimento dei diritti civili e religiosi degli operatori del settore. Il fatto che un’intera categoria stia lottando e mi chieda aiuto al fine di avere garantiti dei diritti, quello al riposo in primis e la difesa da una concorrenza sleale derivante da un mancato controllo e dall’assenza di una turnazione, non fa altro che segnare una sconfitta per l’Ente stesso poichè ne evidenzia la poca efficienza programmatica e di controllo“.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=100335

Scritto da su mar 12 2018. Archiviato come AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2018 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes