Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, SECONDO PIANO » Ritrovato in tarda notte un escursionista dispersosi sulle Madonie

Ritrovato in tarda notte un escursionista dispersosi sulle Madonie

Nottata movimentata quella d ieri dove la conclusione è andata per il meglio visto che un escursionista palermitano, S.T., 62 anni, che nel tardo pomeriggio di ieri si era perso sulle Madonie, nella zona di Pizzo Antenna (sopra Piano Battaglia), a circa 1900 metri di altitudine.Intorno all’una di notte è stato raggiunto e recuperato da una squadra del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico. Appena in tempo. I soccorsi hanno trovato l’uomo con gli abiti bagnati, in inizio di ipotermia e privo di ricambi o cibo, con i tecnici del Cnsas che hanno così provveduto a fornirgli biancheria asciutta, lo hanno scaldato e rifocillato prima di riaccompagnarlo sulla strada dove è stato preso in consegna e visitato dai sanitari del 118.Il tempo non ha aiutato favorevolmente le ricerche, con temperature sotto zero, vento con raffiche fino a 50 km/h, nebbia e neve ghiacciata lungo il percorso, l’operazione si è conclusa intorno alle 3,30.
Ha smarrito la via l’escursionista, dopo avere lasciato l’auto alla Battaglietta e avventurandosi da solo, ha perso l’orientamento sopraggiunto il buio. ma è riuscito a chiamare i soccorsi con il cellulare fornendo le coordinate. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i vigili del fuoco di Petralia, il 118, il Nucleo soccorso Montano Madonie del Corpo Forestale di Polizzi Generosa, una squadra del Cnsas delle Madonie e due squadre da Palermo. Unica squadra per il bene comune e per tanti che si avventurano a volte anche da soli , non pensando che i sentieri e il territorio può nascondere insisdie e imprevisti che non sono messi in conto, come quella dei repentini cambiamenti climatici in corsa, con abbassamento di tempertrature e, della stessa nebbia, che in questo territorio rimane una componente determinante per i percorsi
Il sistema “Sms locator” che consente di localizzare con precisione un disperso, in grado di inviare un sms alla centrale operativa nazionale, che si trova in Piemonte, tramite uno smartphone dotato di gps è stato un punto importante per ritrovare l’esatta posizione dell’uomo, nonostante l’intervento dell’elicottero dell’aeronautica militare da Birgi era già pronto ad intervenire.

Antonio David

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=100403

Scritto da su mar 13 2018. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2018 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes