Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CALTANISSETTA, CRONACA, SECONDO PIANO » UCCISE DUE FIGLIE, ASSOLTA PERCHÈ INCAPACE DI INTENDERE E DI VOLERE

UCCISE DUE FIGLIE, ASSOLTA PERCHÈ INCAPACE DI INTENDERE E DI VOLERE

A Caltanissetta, al palazzo di giustizia, a conclusione del giudizio abbreviato, il giudice per le udienze preliminari del Tribunale, Paolo Fiore, ha assolto l’insegnante gelese, Giusy Savatta, dall’accusa di avere ucciso volontariamente, il 27 dicembre 2016, le due figlie, Maria Sofia, di 9 anni, e Gaia, di 7 anni, nella loro casa in via Passaniti, nel centro storico di Gela. La donna è stata riconosciuta dalle perizie psichiatriche “incapace di intendere e di volere al momento dei fatti contestati”. Giusy Savatta, come misura di sicurezza, dovrà però trascorrere un periodo, ancora da definire, in una Rems, la nuova struttura che accoglie gli ex pazienti degli ospedali psichiatrici. Dopo aver soffocato le due figlie Giusy, insegnante di sostegno con incarico a termine, raccontò di aver tentato di suicidarsi ingerendo candeggina e avvolgendosi il tubo della doccia al collo per soffocarsi. Ai Carabinieri che l’arrestarono dichiarò di avere agito in preda a un raptus di follia causato dalla paura che il marito, Vincenzo Trainito, si separasse da lei abbandonando le bambine.

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=100781

Scritto da su mar 30 2018. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CALTANISSETTA, CRONACA, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2018 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes