Home » AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, CULTURA, EVENTI, SECONDO PIANO » Agrigento.Presentato il video emozionale la Casa del tempo di Elisa e Tommaso Carlisi

Agrigento.Presentato il video emozionale la Casa del tempo di Elisa e Tommaso Carlisi

casa del tempo 1 casa del tempo casa del tempo 4

In questa raccolta di immagini e parole il tempo regola la genesi del poeta. Ciò che resiste in questa opera è la traccia pesante del pensiero dell’uomo cui si legano le immagini colte da una rara sensibilità femminile. È la teogonia moderna del mito del tempo. È la speranza del sorpasso etico della corruzione, del disagio, del passato“(di Tommaso Carlisi).

Così il noto attore agrigentino Gaetano Aronica dà il via alla serata di apertura della stagione teatrale 2018-2019.

Dopo un breve,magistrale e simpatico scambio tra il direttore artistico Sebastiano Lo Monaco e il presidente della Fondazione del teatro (come in foto), è intervenuta l’artista agrigentina Elisa Carlisi, autrice del libro “la casa del tempo”, insieme al padre Tommaso.

“Ci si aspetta di avere più tempo di quello che si ha”(incipit e chiusura del video emozionale legato al libro), parole che racchiudono il senso del libro e del cortometraggio presentato per l’occasione alla città in anteprima. Lo stesso Aronica, affascinato dal tema del tempo e dei testi in poesia,ha sull’argomento interrogato la fotografa sul palco.

Le fotografie sono la nostra memoria nel tempo, quando i nostri ricordi iniziano a perdersi nel tempo che passa– chiede (Aronica) alla giovane artista.

La realtà sembra sfuggirci continuamente. La macchina fotografica è quello strumento capace di bloccare e poi, attraverso la visione cartacea o digitale, iterare quell’attimo che altrimenti andrebbe perduto.

Schopenhauer diceva che il mondo è una personale rappresentazione, una verità valida per ogni essere vivente e pensante, benché l’uomo soltanto può averne coscienza astratta e riflessa. Noi conosciamo con certezza soltanto ciò che gli occhi vedono, o ciò che una mano sente con il contatto; sappiamo che il mondo circostante non esiste se non come rappresentazione, cioè sempre e soltanto in relazione con un altro essere, con il percipiente, con lui medesimo….

La fotografia come qualsiasi forma d’arte serve proprio a questo, cioè ad entrare in contatto con il mondo circostante, con le cose, con le persone e a comunicare la conoscenza di ciò.

 

casa del tempo 3

L’arte, nonostante sia strano o contestabile immaginarne una utilità, serve a fare rete, come si direbbe oggi. Comunicare è la regola fondamentale della nostra società e le immagini con la loro immediatezza facilitano la condivisione ed è proprioin tale condivisione che si rivela una peculiarità della fotografia: la sua funzione sociale. Quindi influenzare gli altri, abituarli al bello o semplicemente all’esistente, non può che avere valenza morale oltre che culturale.

La fotografia è registrazione che va dal particolare al generale, non è mai statica(come molti credono), ma si evolve ogni qualvolta si orienta lo sguardo verso l’immagine perché la fotografia come l’uomo cambia nel tempo nel luogo e da occhio ad occhio… e nella stessa persona nei diversi momenti della vita”.

Poi la parola lascia spazio alle scene del video creato dal regista Francesco Montefusco, ed incentrato sull’amore, sulla propria terra e sulle esperienze vissute.

Autoritratti, Oggetti, Natura (la vigna), Luoghi dell’anima, Sicilia, Ritratti, Frammenti, Infanzia (interpretata dalla piccola Vittoria in apertura), Gioie e Delusioni sono alcuni indizi di un percorso intimo e parallelo che dal padre passa alla figlia e viceversa, seguendo il ritmo mosso e aulico di un brano “Cavalleria Rusticana”, colonna sonora del cortometraggio, poi eseguito dal vivo dalla maestosa orchestra del teatro Luigi Pirandello di Agrigento.

A presentare la serata il Direttore artistico Sebastiano Lo Monaco e l’attore Gaetano Aronica. Ospiti le autorità, il sindaco Calogero Firetto gli ami e la cittadinanza con Elisa e Tommaso Carlisi (autori del libro), Francesco Montefusco (regista del video), Giuseppe Cacocciola che per il video ha creato 2 sculture in cartapesta, Giuseppe Spoto che ha fotografato il backstage, Paola Merlino stilista con il suo abito color nudo (presente in alcune scene in movimento), tenute Cuffaro (con i suoi vini e le sue vigne) e D’Angelo gioielli (con i suoi gioielli pezzi unici e di valore indossati nel video), entrambi sponsor del cortometraggio del libro insieme alla associazione di cure palliative di Milano dell’ospedale Garbagnate “PresenzaAmica” ed alla testata giornalistica online Sicilia24h.Il libro, edito da Edizioni Lussografica con prefazione di Riccardo Manzotti, è il risultato della collaborazione tra padre e figlia, per la prima volta insieme nella pubblicazione di un testo.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=106120

Scritto da su ott 1 2018. Archiviato come AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, CULTURA, EVENTI, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2018 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes