Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, SECONDO PIANO » Randagi in pericolo a Palma di Montechiaro.

Randagi in pericolo a Palma di Montechiaro.

 

L’intera cittadinanza è disgustata e amareggiata per gli ultimi fatti, proprietari di cani e animalisti guardano ovunque sospettosi, in cerca di altri bocconi avvelenati, e nella speranza che possano fare qualcosa per evitare che si ripeta un’altra volta il funesto evento. I carabinieri e gli agenti della Polizia Municipale stanno cercando di risalire ai colpevoli.

thumbnail_cani

 

“Si porta a conoscenza della cittadinanza che sono stati rinvenuti nel territorio comunali esche o bocconi avvelenati. E’ opportuno precauzionalmente tenere sotto controllo i bambini ed al guinzaglio cani e gatti di proprietà.
In caso di rinvenimento di bocconi o esche sospette. ATTENZIONE: Non toccare mai direttamente con le mani l’esca ma limitarsi a segnalarne la presenza alle Forze dell’Ordine e nel frattempo delimitare l’area in maniera da non far accedere nessuno; attenzione a non toccare l’esca e a non annusarla perché potrebbe contenere prodotti volatili (ad es. cianuri) altamente tossici.”.E’ l’appello lanciato dal sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino su Facebook all’indomani dello sconcertante caso di avvelenamento di quattro cani randagi da parte di ignoti.Il fatto, su cui stanno indagando le forze dell’ordine, ha prodotto sdegno e rabbia tra l’intera cittadinanza.” Ho provato tanta pena, alla vista del povero animale sofferente, riverso in fin di vita sull’asfalto” sono le parole di Claudia, una ragazza intervistata che passando per caso da Corso Sicilia, si è ritrovata dinanzi all’agghiacciante scena. ” Accanto al cane sofferente- continua Claudia- un cane di piccola taglia che lo accompagnava sempre, abbaiava concitato chiedendo aiuto”.
L’ultimo atto crudele nei confronti del migliore amico dell’uomo, pone l’attenzione sul grave problema del randagismo a Palma di Montechiaro. Furono avvistati quattro cani in fin di vita, in seguito ad avvelenamento, in via Lenin, Corso Sicilia e nella zona Capreria Castello. Solo uno di loro si è salvato. Rivolgiamo a chi legge un momento di riflessione sul problema. Dando per scontato che le autorità competenti devono dare riparo ai randagi e provvedere alla vaccinazione, alla sterilizzazione ed alla microcippatura, NESSUNO DEVE PERMETTERSI DI FARE DEL MALE AGLI ANIMALI.
Antonella Catania, Martina Cottitto, Erika Di Caro, Salvo Lauricella, Lilia Scarpello e Rita Scopelliti, alunni della IV A dell’IIS “G.B. Odierna” di Palma di Montechiaro.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=108416

Scritto da su dic 7 2018. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes