Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, PRIMO PIANO, SECONDO PIANO » Operazione Massoneria segreta nomi e indagati dell’operazione 27 arresti

Operazione Massoneria segreta nomi e indagati dell’operazione 27 arresti

carabinieri-auto

Maxi operazione dei Carabinieri e della Procura di Trapani. Sgominata una presunta associazione a delinquere di stampo massonico. Arresti e indagati eccellenti.

Castelvetrano, città natale di Matteo Messina Denaro, avrebbe operato una “superloggia segreta” formata da massoni, politici e professionisti, che avrebbe orientato le scelte del Comune, e poi anche nomine e finanziamenti in ambito regionale, ottenendo inoltre notizie riservate su indagini in corso. Nottetempo i Carabinieri hanno arrestato 27 persone. Altre 10 sono indagate a piede libero. A capo della presunta “superloggia” vi sarebbe stato l’ex deputato regionale di Forza Italia, Giovanni Lo Sciuto. E ne sarebbero stati parte, tra gli altri, l’ex sindaco di Castelvetrano, Felice Errante, ristretto ai domiciliari. Ed ai domiciliari è recluso anche l’ex deputato di Forza Italia Francesco Cascio, indagato di avere favorito il gruppo di Lo Sciuto. Cascio avrebbe rivelato l’esistenza di intercettazioni in corso da parte della Procura di Trapani dopo averlo appreso dall’allora componente della segreteria del ministro dell’Interno, Angelino Alfano, Giovannantonio Macchiarola, che è indagato per rivelazione di notizie riservate. In carcere sono stati trasferiti tre poliziotti, Salvatore Passannante, Salvatore Virgilio e Salvatore Giacobbe. Un avviso di garanzia è stato notificato all’assessore regionale a Formazione e Pubblica Istruzione, Roberto Lagalla, indagato di abuso d’ufficio perché si sarebbe adoperato per la concessione di una borsa di studio alla figlia di uno dei professionisti arrestati. Dall’inchiesta, coordinata dal procuratore Alfredo Morvillo, dall’aggiunto Maurizio Agnello e dai sostituti Sara Morri, Andrea Tarondo e Francesca Urbani, emerge “un’associazione a delinquere segreta attorno a Giovanni Lo Sciuto”. Tra gli altri presunti componenti del gruppo vi sono Giuseppe Berlino, ex consigliere comunale di Castelvetrano, e Gaspare Magro, commercialista, entrambi arrestati in carcere, e il vice sindaco di Castelvetrano, Vincenzo Chiofalo, ai domiciliari. Si sarebbero adoperati con nomine di assessori e altre cariche, segnalazioni e raccomandazioni. I magistrati indaganti scrivono: “Un controllo generalizzato e penetrante delle scelte politiche e amministrative”. E ciò non solo al Comune di Castelvetrano ma anche al Parco archeologico di Selinunte, all’Inps di Trapani e alla Regione, dove Giuseppe Berlino è riuscito ad inserirsi nella segreteria tecnica dell’assessore ai Beni culturali. Il medico Giovanni Lo Sciuto avrebbe controllato anche i finanziamenti regionali e tante pensioni di invalidità: sono 70 adesso sotto esame degli inquirenti. I reati contestati dalla Procura di Trapani sono, a vario titolo, corruzione, concussione, traffico di influenze illecite, peculato, truffa aggravata, falso materiale, rivelazione di segreto d’ufficio, favoreggiamento, abuso d’ufficio, associazione a delinquere segreta finalizzata ad interferire con la pubblica amministrazione. Oltre i 10 arrestati in carcere, e i 17 ai domiciliari, per gli stessi reati sono stati notificati anche 5 obblighi di dimora, una misura interdittiva e 4 avvisi di garanzia.

I nomi degli arrestati in carcere: Giovanni Lo Sciuto, Paolo Genco, Gaspare Magro, Giuseppe Angileri, Isidoro Calcara, Salvatore Passanante, Salvatore Virgilio, Salvatore Giacobbe, Rosario Orlando e Giuseppe Berlino.

Gli arrestati ai domiciliari: Maria Luisa Mortillaro, Vincenzo Giammarinaro, Francesco Cascio, Adelina Barba, Sebastiano Genna, Giovanna Di Liberto, Giuseppe Cammareri, Vincenza Daniela Lentini, Gaetano Salerno, Antonio Di Giorgio, Alessio Cammisa, Antonietta Barresi, Francesco Messina Denaro, Vincenzo Chiofalo, Tommaso Geraci, Felice Errante, Luciano Perricona.

L’obbligo di dimora è stato imposto a Valentina Li Causi, Filippo Daniele Clemente, Arturo Corso, Gaetano Bacchi e Zina Maria Biondo. Una misura interdittiva è stata notificata a Giorgio Saluto.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=111631

Scritto da su mar 21 2019. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, PRIMO PIANO, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

© 2019 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes