Home » ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA, PRIMO PIANO » Porto Empedocle,Ida Carmina sventa la sfiducia.I consiglieri hanno scelto:”Meglio un tintu sindacu che un commissario”

Porto Empedocle,Ida Carmina sventa la sfiducia.I consiglieri hanno scelto:”Meglio un tintu sindacu che un commissario”

wpid-img_20190415_184538-340566675.jpg

Ida Carmina dopo 34 mesi dalla sua sindacatura,supera lo scoglio della sfiducia.Una giornata molto intensa in consiglio comunale,spiegamento di forze dell’ordine e altoparlanti che hanno permesso ai cittadini visto l’angusta aula Amormino di seguire i lavori che rappresentavano uno spartiacque per questa amministrazione pentastellata.

Il clima era già rovente perchè nell’ultime settimane il Senatore Giarrusso aveva innescato benzina sul fuoco e accusando soprattutto Filippo Caci come il male assoluto del clima politico,lo stesso Caci ha querelato il parlamentare catanese  e membro della commissione antimafia.Sulla carta visto che la Carmina anche se ha vinto le elezioni con il 72%,ha governato senza una maggioranza,grazie alla legge elettorale sommando bianchi,rossi e neri e civici,si è trovata con 2 consiglieri su 16.

Tre anni caratterizzati dal dissesto e una situazione molto difficile sul tema gestione integrata dei rifiuti e dei servizi,quindi le tre mozioni presentate dai consiglieri che dovevano segnare il de profundis per Ida e i 5 stelle,e invece nell’arco di 20 giorni,il Sindaco o la Sindaca è riuscita nell’impresa a sventare un cartellino rosso che sembrava scontato.

Certamente l’apertura alle forze presenti in consiglio ha rotto l’incantesimo,la setta dei cinque stelle si è aperta al mondo politico o per necessità o perchè ha capito che era finita nel vicolo cieco,dall’innesto dell’Assessore al turismo Di Betta e la disponibilità di cambiare altre pedine in giunta ha dato il colpo decisivo.

Infatti i tre consiglieri Sanfilippo,Taormina e Puccio non hanno seguito l’asse Caci-Di Mauro e hanno cambiato opinione,si dice che anche un altro consigliere comunale che ha votato sì, può essere ascrivibile a questa amministrazione.

In pratica i 6 e i 2 assenti Sacco e Iacono hanno ribaltato e stravolto il consiglio comunale non più 14 a 2,ma ormai 8 a 8,il tutto in meno di 20 giorni.

A questo punto c’è da capire se la Carmina avendo sventato il pericolo si è realmente aperta alla società civile e alla politica che di vecchio o nuovo conio è stata determinante per dare ossigeno e prospettiva di governo.

Una cosa è certa anche la politica ai tempi dei social può essere imprevedibile,però è chiaro che la solitudine non fa bene ai grillini e governare vuol dire confrontarsi e coinvolgere anche chi non è stellato,perchè finalmente il movimento 5 stelle ha capito che per governare oltre al grido di onestà ci vuole capacità,competenza e mediazione nel fare le cose,il tempo di slogan e ditini puntati è finito da tempo.

Adesso Il Sindaco Carmina non ha più scusanti anche perchè non è neanche minoranza in consiglio.La campana è suonata,è iniziata l’ora di amministrare.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=112514

Scritto da su apr 16 2019. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2019 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes