Home » ARCHIVIO ARTICOLI, Interviste, POLITICA, PRIMO PIANO » Antonello Pace intervista Igor Gelarda della Lega

Antonello Pace intervista Igor Gelarda della Lega

 

wpid-img-20190502-wa00131360813298.jpg

 Abbiamo intervistato Igor Gelarda candidato della Lega nella circoscrizione isole (Sicilia-Sardegna) alle europee del 26 maggio.

 

Igor Gelarda,lei è candidato per la Lega a Bruxelles,un partito che per la prima volta in Sicilia dovrebbe eleggere degli europarlamentari,un fatto impensabile qualche anno fa,che obiettivi mette in campo sulla continuità territoriale,fiscalità di vantaggio,corretto utilizzo dei fondi europei ?

La Lega e Salvini sono la svolta vera nel panorama politico italiano,prova ne sia in Sicilia il risultato delle ultime amministrative con i numerosi consiglieri eletti e i ballottaggi di Gela e Castelvetrano,l’onda d’urto non si ferma.Posso dire francamente che gli europarlamentari uscenti non hanno lasciato traccia,la gente delle isole non conosce neanche i loro nomi.Per questo cambiare in meglio è consequenziale,i fondi strutturali sono essenziali con una programmazione che deve essere fatta bene dall’Europa,dal governo nazionale e regionale.

E’ assurdo che siamo nell’area di convergenza e restiamo incollati agli ultimi posti e in Portagallo,in Spagna e in Irlanda hanno cambiato i risultati prodotti all’economia con una defiscalizzazione parziale o totale e la Sicilia invece non può essere avvantaggiata. Questi dati devono fare riflettere.L’Europa Franco-Tedesca ha aumentato il gap tra regioni ricche e povere e i trattati hanno indebolito il tessuto economico e agricolo dei siciliani”

Sull’autonomia differenziata i governatori delle regioni del nord rivendicano risorse finanziarie,può essere un altro colpo finale all’autonomia statutaria siciliana?

“In Sicilia abbiamo paura che le regioni del Nord possono fare in due anni quello che in Sicilia con lo Statuto non si è fatto in 70 anni,al netto della poca collaborazione con i governi nazionali a livello regionale nessuno è stato capace di battere i pugni per rivendicare le nostre risorse,anche perché è inutile nascondercelo si sono utilizzate somme e risorse in maniera totalmente distorta.Il nostro territorio non è stato governato per la ricchezza e la crescita di tutto il popolo siciliano e oggi siamo entrati in netta crisi e in ritardo con le lancette del tempo”

Negli ultimi anni la Lega si è battuta per regolamentare i flussi dei migranti,vedi il Decreto sicurezza,ma poco si è parlato dell’emigrazione intellettuale che forma i giovani e poi vanno via depauperando il territorio,77 mila negli ultimi 5 anni,perché c’è mancanza di opportunità e competitività senza clientele e cooptazioni?

Questo è avvenuto con il sistema del Pd,si è dato spazio a politiche sulla immigrazione che in molti casi si sono rivelati un business e un aumento della criminalità.Quando Salvini dice:”prima gli italiani”,la risposta è semplice,i giovani italiani vanno tutelati ed è un mio obiettivo e impegno se eletto,in primis i siciliani devono seguire il processo inverso tornare nei luoghi natii.Con un miliardo e mezzo risparmiati sui centri di accoglienza,assumeremo 8 mila uomini in divisa.Più la quota 100 e la flat tax che creerà un ricambio generazionale,la Lega guarda al popolo non ai poteri forti e le fasce sociali più a rischio vanno preservate,senza se e senza ma.Le nostre ricette danno ossigeno all’economia e alla crescita.”

Se eletto a Bruxelles il primo provvedimento che si impegna a portare per i siciliani e i sardi,quale sarà?

“Metto nero su bianco,il primo obiettivo sono i fondi europei,mettere a rete il sistema e aggiustarlo creare una rete dal basso,dalle comunità locali alla regione per creare realmente sviluppo,infrastrutture posti di lavoro.Si deve fare una rete virtuosa,dall’Europa si possono prendere anche e soprattutto le cose positive e l’Europa deve essere al servizio degli Stati membri e alle loro esigenze,bisogna però cambiare la rappresentanza parlamentare e mi pare che i siciliani e i sardi sono assolutamente maturi e pronti ad affidarsi a politici che lottano per i loro diritti.”

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=113051

Scritto da su mag 2 2019. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, Interviste, POLITICA, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2019 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes