Home » AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA » CARDELLA CONFAEL: IACP A RISCHIO I DIRITTI DEI LAVORATORI E I SERVIZI ALL’UTENZA ASSEMBLEA SINDACALE

CARDELLA CONFAEL: IACP A RISCHIO I DIRITTI DEI LAVORATORI E I SERVIZI ALL’UTENZA ASSEMBLEA SINDACALE

manlio cardella

 I dipendenti dello IACP di Agrigento si riuniscono stamani in assemblea, afferma Manlio Cardella Segretario Provinciale Confael, per discutere sullo stato di grave confusione gestionale in cui da mesi versa oramai l’Istituto.

La Confael ha già avanzato richiesta d’incontro all’ Assessore Reg.le alle Infrastrutture Marco Falcone denunciando una grave situazione che si riverbera su tutto il personale dell’ Istituto Autonomo Case Popolari di Agrigento, causando disfunzioni all’azione amministrativa ed ai servizi resi alle fasce più deboli.Dopo l’apertura di un apposito tavolo tecnico tra Amministrazione e OO.SS. sembrava certa la stabilizzazione di 22 precari di categoria C e D nonchè la ricontrattualizzazione a full-time del personale già stabilizzato nel 2012 a 24 ore.

Pur nel conforto della normativa vigente i lavoratori precari, vedono l’ approssimarsi dell’eventualità anche del loro licenziamento.

Questi dipendenti non possono lavorare con il capestro della integrazione oraria, hanno bisogno di certezze, vanno assunti a 36 ore settimanali poiché, continua Cardella slittando ancora in avanti la stabilizzazione, l’entrata in vigore della quota 100 causerà gravi carenze d’ organico di cui ne risentiranno pesantemente tutti i settori di attività dello IACP.

Serpeggia comprensibilmente una crescente insicurezza che potrebbe sfociare anche in comprensibili azioni di sciopero di tutto il personale visto il diffondersi del malcontento anche tra i dirigenti destinatari di apposite deleghe operative. I quali pur proseguendo ad assicurare le loro prestazioni , senza percepire il corrispettivo correlato, lamentano la mancata attivazione delle strutture organizzative nonostante l’adozione da parte dello IACP della delibera n.15/2019 e della determina 189/2019. Ad aggravare lo stato di tensione si aggiunge il mancato pagamento delle spettanze economiche per progetti obiettivi già esperiti nel 2018”.

La situazione caotica dello IACP di Agrigento, accomuna tutti i 10 istituti dell’isola. Già la discrasia tra il numero delle ex Provincie e quello degli Istituti riassume per certi versi l’attenzione altalenante che la politica siciliana ha avuto nei confronti del social housing. In tutta Italia gli Istituti sono stati riformati per adattarsi alla carenza dei finanziamenti pubblici e all’evoluzione della società, anche la Campania è ferma alla struttura prevista dalla legge 865/71. Non si può non rilevare un’altra anomalia degli istituti autonomi per le case popolari della nostra Regione, che benché siano ricompresi nell’alveo degli enti di cui all’art.1 della Legge Regionale 15 maggio 2000 n. 10 non applicano tutti i contenuti previsti della normativa.

Confael, continua Cardella, sottoporrà all’Assessore Regionale Falcone anche il delicato tema dei bilanci previsionali e consuntivi degli Iacp, sulle cui procedure necessita attivare un apposito tavolo allargato alle organizzazioni sindacali.

In ultimo auspichiamo una presa di coscienza seria ed obiettiva da parte di tutti i lavoratori precari, nonché dei dirigenti sulla necessità di cambiare passo alle forme di rivendicazione dei diritti acquisiti e non goduti.

Riteniamo sia opportuno che anche le istituzioni, con in testa la Prefettura, seguano con la dovuta attenzione l’evoluzione della situazione all’interno dello IACP. Il cui fermo delle attività potrebbe arrecare pesanti disfunzioni ai servizi all’utenza.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=114173

Scritto da su giu 12 2019. Archiviato come AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2019 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes