Home » ARCHIVIO ARTICOLI, Interviste, POLITICA, PRIMO PIANO » Antonello Pace intervista l’europarlamentare Annalisa Tardino

Antonello Pace intervista l’europarlamentare Annalisa Tardino

 

 wpid-img-20191102-wa0004631291547.jpg

Dopo 40 anni la provincia di Agrigento ha un rappresentante eletto al Parlamento europeo.E’ giovane,è una professionista,è una donna,un volto nuovo della politica su scala regionale, si chiama Annalisa Tardino ed è stata eletta nella circoscrizione Sicilia-Sardegna con oltre 33 mila voti lo scorso maggio a Bruxelles sotto l’insegna della Lega di Salvini.

E’ iscritta al gruppo identità e democrazia ed è componente della commissione Libe (Libertà e Giustizia e Affari interni) ed è supplente in commissione pesca.

 

On.Tardino,dal 2 luglio lavora al Parlamento Europeo,un’istituzione ancora percepita distante dal cittadino,nel suo ruolo all’interno di questa istituzione può tracciare un primo bilancio del lavoro svolto e le ricadute per i siciliani e i sardi ?

Posso dirle che sono partita con la determinazione e il piede giusto,visto anche la crisi di rappresentatività delle ultime legislature che non hanno inciso positivamente all’interno della Istituzione e soprattutto non si sono caratterizzati per riflussi benefici per i siciliani e i sardi.

I problemi per la nostra economia e per le nostre imprese non mancano,in primis  in commissione pesca sul tema della pesca e della nostra marineria si è lavorato per cambiare i provvedimenti che sono lesivi di queste categorie per le limitazioni dei regolamenti comunitari che hanno ristretto la quota tonno e la pesca nel canale di Sicilia,il tutto rischia di portare a una crisi sistemica del settore.Una battaglia che mi vede impegnata settimanalmente per cambiare questi regolamenti”

Da 25 anni la chiave di volta nel rapporto tra Bruxelles e le regioni si chiamano fondi europei:dai Pop 94/99 al Fesr 14/20,la Sicilia e i siciliani per il plafond a disposizione non hanno ancora riscontrato vantaggi,perché non riusciamo a sfruttare questa grande opportunità ,solo pastoie burocratiche?

I problemi non sono solo di Bruxelles o burocratici,ci vuole maggiore competenza e conoscenza,non abbiamo saputo utilizzare finora questi fondi e questo è acclarato.I problemi di burocraticità esistono e  non sono  solo a monte ma soprattutto a valle.Tant’è vero che la finalità di questi progetti è la centralità delle risorse,non la parcellizzazione in mille rivoli.Abbiamo necessità di maggiore competenza negli uffici territoriali che vanno sanati.Abbiamo fatto già delle audizioni con la commissione Ue a Palazzo dei Normanni per trovare una giusta sintesi ed evitare gli errori del passato,bisogna programmare e portare a termine progetti e bandi più adatti che danno una scossa economica alle imprese siciliane.”

Dopo gli accordi di Malta sul meccanismo automatico di ricollocamento dei migranti si è fatta chiarezza tra i Paesi che hanno sottoscritto questi accordi e il principio di solidaristico tra i Paesi firmatari sarà rispettato ?

La Lega e gli italiani vogliono chiarezza su questo tema che esiste,il Trattato di Malta propinato come un grande accordo alla fine solo tre Paesi hanno garantito la disponibilità:l’Irlanda,Portagallo e Lussemburgo,gli Stati importanti come la Germania alla fine non ha concretizzato.Secondo me e la commissione Libe è solo un progetto pilota che non penso possa risolvere a monte il problema.Su un problema che persiste e che ancora non ha un progetto per regolamentare i flussi migratori la Lega e Matteo Salvini sono a difesa delle regole e dei confini e di tagliare eventuali cordoni economici e di zone grigie e di illegalità che sfruttano gente disperata.”

Sulla perequazione economica,strutturale e infrastrutturale,la Sicilia e il Sud sono indietro,non si è rispettato la proporzione territorio-abitanti e l’autonomia differenziata e le diseguaglianze di servizi stanno aumentando il gap,la Sicilia è solo un granaio elettorale per Salvini ,alla luce della crisi economica-finanziaria e di liquidità della nostra regione?

In questi 30 anni in Sicilia non c’è stata la Lega,c’è stata una crisi di rappresentatività.Il modello Lega ha funzionato nelle regioni del Nord.La Lega si è battuta sempre per i territori con risultati,se la classe politica siciliana è stata finora impegnata in lotte fratricide e non si è occupata dei veri bisogni del popolo questo danneggia tutte le classi sociali.Lo Statuto autonomistico va difeso e applicato,ma le scelte politiche e la spesa improduttiva oggi non può essere più né avallata,né giustificata.Ecco perché ci battiamo per un cambiamento che parta dalla testa di chi governa per lasciare una traccia,dei risultati e una testimonianza di buona politica.Questo è la politica che mette in campo la Lega da sempre.”

Dopo l’ennesima straordinaria vittoria in Umbria continua il filotto incredibile della Lega come forza trainante.In Sicilia il periodo di commissariamento finirà,c’è paura ancora di contaminazioni di cacicchi locali o affaristi della vecchia politica-politicante?

Guardi,la Lega non ha paura di nessuno,qui il problema è un altro,la politica della Lega è fare qualcosa per il territorio,non clientela o facile carrierismo.Il commissario Candiani sta strutturando un partito che ha delle regole e degli obiettivi e dei risultati senza avere nella nostra isola postazioni di governo,il tutto ci sta dando ragione.Ci sono giovani,donne,sensibilità ma soprattutto si ragiona in termini di squadra e obiettivi.Non ci sono generali o fughe in avanti,ci sono i territori,gli iscritti,la base e i circoli che con un rapporto diretto ci spingono ad operare per il bene dei siciliani.Adesso abbiamo un parlamentare nazional:,Alessandro Pagano e io e Francesca Donato a Bruxelles e nei nostri ruoli istituzionali costituiamo una interfaccia con i territori.Posso dirle che anche negli enti locali i nostri consiglieri comunali si stanno distinguendo.”

A proposito, nella primavera 2020 si voterà per le amministrative in parecchi comuni siciliani,tra gli altri ad Agrigento,Enna,Marsala e altre città,il ruolo della Lega ?

Le comunità locali,i campanili sono un baluardo per la Lega,dopo l’incredibile ascesa di Matteo Salvini,sicuramente diremo la nostra.Le ripeto abbiamo una classe dirigente che cresce quotidianamente,facciamo una politica chiara nei territori come in tutte le sede istituzionali che presidiamo per la difesa e la crescita del territorio.156 mila agrigentini sono andati via,questo è un problema,l’opinione pubblica non lo sottolinea,ma Licata come altri paesi siciliani si sono spopolati.La politica dov’è stata,cosa ha fatto?

Ci sono tutte le condizioni per vincere anche nei comuni siciliani,la Lega è un partito e una forza determinante.Il commissario provinciale Rosselli saprà interpretare questa voglia di cambiamento e aprire una fase nuova per una politica amministrativa produttiva e di prospettiva,attraverso bravi e corretti nuovi amministratori eletti nella Lega.”

In meno di due anni,il Sindaco di Licata Galanti sta attraversando problemi politici,nei servizi essenziali,sembra una storia letta e riletta,da più di dieci anni manca un netto punto di riferimento a Palazzo di città?

Io mi sono candidata come alternativa a questo progetto che ha vinto legittimamente,ma una cosa è un cartello elettorale,un’altra è la sintesi di governo e la coesione della giunta,finora è sotto gli occhi di tutti,Licata e i licatesi continuano a non avere una guida e un’amministrazione proficua e di risultati.

Dalla burocrazia allo sviluppo economico,alle mancate opportunità per il territorio segnano il tonfo di questa amministrazione.Ecco perché tra l’altro i giovani emigrano.Ecco perché la Lega ha creato un gruppo di amministratori locali bravi che sono volano per erogare servizi e opportunità ai cittadini.E i siciliani che vogliono questo modello daranno all’interno delle urne in primavera un netto cambiamento allo status quo”

 

 

 

 

 

 

 

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=118072

Scritto da su nov 2 2019. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, Interviste, POLITICA, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes