Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, SECONDO PIANO » Dissequestrati i beni all’editore Mario Ciancio

Dissequestrati i beni all’editore Mario Ciancio

La Corte d’Appello di Catania ha disposto il dissequestro di tutti i beni di Mario Ciancio Sanfilippo, disposto dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale. Tra i beni dissequestrati vi sono anche le società che controllano i quotidiani La Sicilia e Gazzetta del Mezzogiorno e le emittenti televisive Antenna Sicilia e Telecolor. Secondo la Corte d’Appello di Catania il decreto di sequestrato impugnato è da annullare perché, come scrivono i giudici nelle 113 pagine della sentenza motivata, “non può ritenersi provata l’esistenza di alcuni attivo e consapevole contributo arrecato da Ciancio Sanfilippo in favore di Cosa nostra catanese”. Inoltre – aggiungono i giudici – “non può ritenersi provata alcuna forma di pericolosità sociale né è risultata accertata e provata alcuna sproporzione tra i redditi di provenienza legittima di cui il preposto il suo nucleo familiare potevano disporre e la liquidità utilizzata nel corso del tempo”. 

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=121657

Scritto da su mar 25 2020. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes