Home » AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA » Meritiamo questa politica della mediocrità? Aldo Capitano striglia i politici agrigentini,basta divisioni,fate l’interesse dei cittadini

Meritiamo questa politica della mediocrità? Aldo Capitano striglia i politici agrigentini,basta divisioni,fate l’interesse dei cittadini

aldo capitano

L’On. Roberto Di Mauro, l’On. Carmelo Pullara, l’On.Riccardo Gallo, l’On.Giusy Savarino, l’on. Michele Sodano,l’On. Matteo Mangiacavallo ecc.ecc., sarebbero sicuramente capaci di risollevare , tutti uniti, le sorti della comunità agrigentina,caduta in una disgraziata crisi economica. Meritiamo questa classe politica litigiosa che guarda al proprio orticello piuttosto che al Bel Paese, alla regione sicilia e alla provincia di Agrigento, alla nostra Città ? Abbiamo fatto, finora, scelte incomprensibili e ci siamo accontentati di dare agio amministrativo al meno peggio. La strategia del “meglio il male minore” non è assolutamente quella vincente perché ci lascia in balia della povertà in tutti i sensi, principalmente economica, senza possibilità di guadagni di ciascuno. Così, restiamo e resteremo nella povertà, sprofonderemo negli abissi della più insopportabile povertà. Ciò succede perché la classe politica che ci sorregge, malgrado sia una classe politica capace ed in grado di risollevare l’economia siciliana e agrigentina in particolare, ci mette nelle condizioni di restare indignati perché la politica di questi ultimi anni è costituita da fragilità e contrasti che costituiscono il fare distruttivo come se fosse un vespaio pericoloso o peggio ancora un proliferare di nidi di vipere. I politici, che dovrebbero collaborare per assicurare una governabilità accettabile, in realtà giorno dopo giorno scambiano il governare con giornate trascorse sul ring a scazzottarsi quotidianamente. Non esiste più il dialogo ed il confronto civile e il fare della politica è sceso ai bassi livelli fino ad una sorta di pugilato di insulti. I cittadini, da una parte non ne possono più dei duelli tra leader, ma dimenticano di essere come loro, se non peggiori, in materia di contenziosi e di aggressività. Nel nostro territorio siciliano e nella nostra provincia, regna lo stesso clima. Un clima che non meritano ne i politici e nemmeno i cittadini. Manca forse una componente cattolica moderata? Mancano laici comprensivi capaci di mediare per consolidare una politica garbata e modellata che orienti tutte le possibili energie, invece di litigare,costruire? La situazione nell’agrigentino non è diversa dalla situazione regionale e nazionale. Noi abbiamo onorevoli che sanno organizzare le campagne elettorali e sanno penetrare nel mondo della politica. Ma fra di loro ci sono contrasti forti e per certi versi forse insanabili. E ciò non è produttivo per la politica del fare e per la politica costruttiva che rende partecipi i cittadini ad una costruzione edificante della nostra civiltà. Manca la politica della convinzione, della moderazione, della riunione delle forze. Abbiamo cervelli : l’On. Roberto Di Mauro, l’On. Carmelo Pullara, l’On.Riccardo Gallo,l’On. Giusy Savarino,l’On.Michele Sodano e l’On.Matteo Mangiacavallo , l’on…. Etc etc…. Tutti, però, disuniti,in contrasti inutili e dannosi. Separati senza un vero senso. Occorre, una ricognizione per impostare un’azione di carattere tattico,logistico-tecnico perché uniti si potrebbero risolvere molte situazioni interne alla politica ed esterne ad essa. Cioè dare le energie e la forza non ai litigi e alle separazioni inconcludenti , ma trasferire queste energie alla costruttività e alla soluzione dei problemi intrinseci ed estrinseci. Mi auguro fortemente, che si riaffermino i forti valori della mediazione , della convinzione e del riassetto della politica nostrana. E con piu’ convinzione e determinazione credo che eliminando e limando le spigolature, gli angoli, tagliando i rami secchi ,togliendo le barriere, incontrandosi, si possa crescere la pianta della vitalità della politica, come era una volta con altri uomini che riuscivano a trovare le soluzioni e convergenze ideologiche e soprattutto di produttività. Più di prima , occorre , una unione di intendi ed una serenità amministrativa economica che,grazie agli sforzi di tutti, dico tutti, fa riaffermare ciò che in tempi passati costringeva i politici a stare uniti per risolvere le questioni economiche e sociali con la moderazione e la mediazione. A tutti i costi.

Aldo Capitano

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=123370

Scritto da su mag 23 2020. Archiviato come AGRIGENTO, ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes