Home » ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA » “Pnrr”, Scilla vola da Patuanelli

“Pnrr”, Scilla vola da Patuanelli

Dopo la bocciatura di decine di progetti siciliani per 422 milioni di euro nel Piano nazionale di ripresa e resilienza: l’assessore Scilla domani incontra il ministro Patuanelli.

L’assessore regionale all’Agricoltura, Antonio “Toni” Scilla, 53 anni, di Mazara del Vallo, recita il “mea culpa”, o quasi, dopo la clamorosa bocciatura di decine di progetti, soprattutto su opere irrigue, presentati dalla Regione Siciliana a Roma, e che sono stati bocciati e rispediti al mittente dal ministro all’Agricoltura, Patuanelli, provocando alla Sicilia un danno economico enorme, ovvero 422 milioni di euro di lavori che si sono smarriti forse irrimediabilmente. L’assessore all’Economia, Gaetano Armao, è stato sintetico e lapidario. Le sue parole: “Alla Regione non abbiamo tecnici di alto livello. Prepensionamenti e blocco delle assunzioni hanno provocato una desertificazione del personale competente”. Tradotto in siciliano: “Semu in manu a nuddu”. L’assessore Scilla è più argomentante, e spiega: “Errori tecnici e materiali nell’inserimento dei progetti in piattaforma: vero. Problemi e affanni di una burocrazia insufficiente: vero. Esclusione giusta dai fondi del Pnrr: falso. Ed è falso pure che i progetti siciliani siano non esecutivi e monchi. Non può essere un algoritmo improvvisato a decidere le sorti della nostra agricoltura. E’ in ballo la rivoluzione in una rete irrigua che concordo nel definire indecorosa, degna in molte parti di una regione desertica dell’Africa, con tutto il rispetto per i paesi africani”. L’assessore Toni Scilla domani, mercoledì 13 ottobre, volerà a Roma. Pagherà un taxi che lo condurrà in via Venti Settembre, al civico 20, dove incontrerà il ministro Stefano Patuanelli, 47 anni, di Trieste, laureato in ingegneria edile, targato Movimento 5 Stelle. E Toni Scilla annuncia: “Andrò da Patuanelli a sostenere una pozione politica netta, ma non nel senso del confronto sterile fra posizioni politiche, ma, piuttosto, contestando il cambio in corsa di criteri di valutazione che non erano stati concordati. Per esempio, all’ultimo momento, e senza concordare con noi, è stato assegnato un punteggio maggiore al parametro della siccità estiva che ha provocato l’emergenza in vaste zone irrigue del Centro-Nord. La beffa è che in molte aree la Sicilia soffre non di siccità estiva ma di siccità strutturale e cronica. Pensate alla piana di Gibbesi, nella provincia di Gela. Lì è pronto un progetto da oltre 31 milioni di euro che farebbe rifiorire letteralmente l’agricoltura in una zona che, come molte altre, soffre di processi di desertificazione. Altro che siccità estiva, solo stagionale”. E poi, sul piano prettamente politico, l’assessore mazarese aggiunge: “Andrò a Roma a dire al ministro Patuanelli che la Sicilia è stata attaccata, esclusa, umiliata, e che non può essere la freddezza di un algoritmo a deciderne i destini. Lo scippo alla Sicilia è un fatto che possiamo argomentare e non è la prima volta che vi assistiamo”. E poi Toni Scilla ritiene che sarebbe stata, e che sia ancora possibile, una integrazione o una correzione, anziché una radicale bocciatura. E spiega: “Un progetto definitivo ma non ancora esecutivo ha la possibilità del soccorso istruttorio, con l’integrazione dei documenti. Con un paio di progetti è andata proprio così. E se ancora manca qualcosa perché bocciare invece di inserire nella lista intermedia dei progetti rivedibili, che pure era prevista? Poi, se non fossero stati esecutivi, i Consorzi di bonifica non avrebbero neppure potuto caricarli con successo in piattaforma. Esistono anche le commissioni per la valutazione dei progetti. A Patuanelli ricorderemo anche questo. Parliamo di fondi di vitale importanza e non possiamo in alcun modo permettere che vadano persi. La rete irrigua siciliana è in condizioni che non esito a definire disastrose. Confido non soltanto nella felice conclusione di questa vicenda, ma pure sulla nuova legge in approvazione all’Assemblea regionale per la riforma dei Consorzi di bonifica: saranno gestiti direttamente dai proprietari dei fondi dopo che la Regione se ne sarà assunta criticità e debiti”.

fonte teleacras angelo ruoppolo

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=141778

Scritto da su ott 12 2021. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, POLITICA. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2021 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes