Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, PRIMO PIANO, SECONDO PIANO » “Torre Macauda”, otto indagati

“Torre Macauda”, otto indagati

La famiglia mafiosa di Sciacca, capeggiata dal boss detenuto Salvatore Di Gangi, sarebbe rientrata, in parte, nel possesso del lussuoso complesso turistico “Torre Macauda” a Sciacca. E ciò tramite la complicità di imprenditori e bancari. La Procura antimafia di Palermo ha disposto delle perquisizioni e ha notificato otto avvisi di garanzia. Le indagini sono delegate alla Guardia di Finanza di Palermo, e sono coordinate dal procuratore aggiunto Paolo Guido, e dai pubblici ministeri Piero Padova, e Francesca Dessì. I reati ipotizzati sono di concorso esterno in associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di valori e falso. Il boss Di Gangi, fedelissimo del capomafia Toto Riina, sarebbe rientrato nel possesso di “Torre Macauda” attraverso una società da lui controllata a cui una banca, creditrice dell’albergo con procedura esecutiva, ha venduto alla stessa società alcuni lotti. E la società riconducibile a Gangi, complice la banca e con il denaro degli imprenditori indagati, avrebbe pagato solo parte degli 8 milioni corrispondenti al valore di acquisto dei lotti stessi.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=141812

Scritto da su ott 13 2021. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, PRIMO PIANO, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2021 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes