Home » ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, PRIMO PIANO » Palermo storia di bullismo finisce con accoltellamento , un undicenne buca polmone a quattordicenne

Palermo storia di bullismo finisce con accoltellamento , un undicenne buca polmone a quattordicenne

 

ambulanza2

C’è una dolorosa storia di bullismo dietro il gesto di un bambino di 11 anni di Palermo che, dopo mesi di angherie, ha affrontato il compagno di scuola di 14 anni che l’aveva preso di mira e l’ha accoltellato.

A raccontare cosa era accaduto sarebbe stata la stessa vittima portata in ospedale dal nonno e da alcuni familiari. Del caso, tutto ancora da ricostruire, si occupano i carabinieri coordinati dalla Procuratrice dei minori Claudia Caramanna.

Secondo i primi accertamenti, da tempo l’11enne subiva le angherie dell’adolescente di tre anni più grande. Oggi ha deciso di reagire: è andato a scuola con un coltello e, al termine delle lezioni, non è ancora chiaro se dopo una lite o a freddo, l’ha colpito. La vittima ha cercato di difendersi come emerge dalle ferite sulle mani e sulle braccia. Una delle coltellate l’ha raggiunto al torace bucandogli un polmone. Portato all’ospedale Civico è stato stabilizzato dall’equipe del primario del pronto soccorso Massimo Geraci. L’adolescente è ricoverato in Area critica ma non è in pericolo di vita.

L’aggressore, che sarebbe stato indicato ai carabinieri dalla stessa vittima, è stato visitato all’Ospedale dei Bambini, ma non sarebbe rimasto ferito nella colluttazione. Nelle prossime ore i carabinieri sentiranno entrambi. Il 14enne rimarrà in ospedale: gli inquirenti attendono che le sue condizioni migliorino prima di sentirlo. Due anni fa a Enna una ragazzina di 14 anni ipovedente aggredì una compagna più piccola di due anni.

Una storia per tanti versi simile anche se il movente in quel caso non venne mai chiarito. “Volevo uccidere qualcuno” aveva detto agli insegnanti che l’hanno convinta a uscire dal bagno dell’istituto in cui si era barricata. Vittima e aggressore in questo caso non si conoscevano. Si erano incrociate nei corridoi della scuola, ma non si erano mai parlate.

 L’aggressione sarebbe avvenuta a pochi passi dalla scuola che i due frequentavano: la Quasimodo dell’istituto comprensivo Maredolce di Brancaccio, uno dei quartieri più poveri e degradati della città.

Short URL: https://www.sicilialive24.it/?p=156039

Scritto da su mag 19 2023. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, CRONACA, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com

© 2024 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes