Home » ARCHIVIO ARTICOLI, Gamestation, IN EVIDENZA » Resident Evil Village Ps5 Recensione

Resident Evil Village Ps5 Recensione

Resident Evil Village, arriva il 7  Maggio, su Ps4 e PS5, e  Xbox Series X/S.  Il gicoco offre quello che i giocatori possono provare degli elementi orribili del castello di Dimitrescu.

Dal momento in cui i giocatori entrano nel gioco, verranno sopraffatti da un senso di paura. Tra il villaggio, il castello,segrete buie,vampiri,licantropi e quant’altro.

resident-evil-village-esce-a-maggio_2573694

Il personaggio-giocatore Ethan alla ricerca della figlia  se la vedrà con  le fanciulle del castello che presumibilmente ha fatto qualcosa per turbare la Mistress o le sue tre figlie e come tale viene gettato nelle segrete del castello. Il giocatore si farà strada attraverso le viscere del castello e in diverse stanze, ciascuna piena di note, lettere e indizi di contesto che svelano il mistero dietro il castello di Dimitrescu. Il gioco richiama in modo simile al PT Silent Hills del 2014 e a RE7, dove il giocatore seguiva un percorso relativamente semplice ed era in grado di interagire con vari oggetti lungo il suo cammino. Tuttavia, Resident Evil 8 si concentra principalmente sulla presentazione delle straordinarie immagini, sull’audio e sulla fisica del gioco: le immagini sono molto solide, specialmente il ray tracing e l’illuminazione dinamica, ma parte di quella magia visiva tende a dissiparsi quando si guardano troppo da vicino determinati oggetti.

Il gioco mostra splendidi lampadari, finiture in legno e sculture abbinate a pareti di dungeon che sembrano carta da parati di bassa qualità. D’altra parte, l’audio 3D fa scricchiolare ogni pavimento, sbattere le porte e gocciolare sangue, rendendo il tutto molto più agghiacciante di quanto non sarebbe altrimenti. Tuttavia, in alcuni punti, può sembrare che il personaggio del giocatore stia camminando su quattro piedi invece che su due, creando alcuni imprevisti salti imprevisti.

Come lo è stato in passato Resident Evil 7; se poi verrà aggiunta la possibilità di usare il visore VR allora l’interazione sarà assicurata. Noi abbiamo provato la versione ps5 ma Il gioco è previsto anche per Ps4 e Xbox One: sperando che non si ripeta, come per Cyberpunk, qualche rallentamento grafico o di giocabilità che potrebbe rendere il titolo Capcom non fruibile al 100%.

Questo non solo rende questo Resident Evil più vario fino ad oggi, ma probabilmente il più spaventoso. Uno dei migliori esempi di questo è la villa di Donna Beneviento, una bambinaia e uno dei governanti del villaggio. Nella sua vecchia casa cigolante e polverosa, disseminata di dozzine di bambole inquietanti dagli occhi neri in vari stati di rovina, sei costretto a passare attraverso una serie di momenti brillantemente costruiti di orrore sottovalutato e atrocemente teso, che culmina in un incontro che potrebbe beh, sii il singolo momento più spaventoso nella storia di Resident Evil. n un’altra sezione sei braccato da Lady Dimitrescu, il summenzionato vampiro alto. Il suo castello del XV secolo è un opulento labirinto di corridoi decorati e dorati e salotti ombrosi, riccamente decorati e delicatamente illuminati da candele. È un’ambientazione incredibilmente suggestiva e l’imponente Lady D che ti sta schiacciando (accovacciata per infilarsi attraverso le porte che sono troppo piccole per lei) è incredibilmente snervante. Mentre insegue, devi cercare oggetti per sbloccare il cancello principale, il che comporta un po ‘di sconcertante luce e, in vero stile Resi, mappare mentalmente l’edificio.

Sebbene gran parte di Village si svolga in spazi stretti, a volte si apre in arene più grandi costruite pensando al combattimento. Qui troverai barili esplosivi verso cui attirare gruppi di nemici, tetti su cui arrampicarti, case in cui scivolare e mobili da trascinare attraverso le porte per arginare il flusso di Lycan. Queste sezioni sono piacevolmente frenetiche, ma sono meno interessanti dei momenti in cui non devi sparare molto, o per niente. Village è un discreto sparatutto in prima persona, ma ogni volta che Capcom si concentra sull’atmosfera e la tensione sull’azione, è un gioco migliore.

Tuttavia, lo sviluppatore sembra aver perso quasi completamente l’interesse per i puzzle. Ce ne sono alcuni in Village, ma sono estremamente facili, con soluzioni che ti guardano sempre dritto in faccia. Come qualcuno che ha sempre apprezzato gli arcani e contorti enigmi nei giochi di Resident Evil, lo trovo leggermente deludente. Rende un gioco più pacato, con meno interruzioni al flusso di esplorazione e combattimento. Ma mi piacciono quelle interruzioni e sento che Village avrebbe potuto trarre beneficio dall’essere un po ‘più faticoso dal punto di vista cerebrale. Non sono rimasto bloccato nemmeno una volta nelle 11 ore che mi ci sono volute per finirlo.

village

Ethan ha pochissimi alleati nel villaggio e tendono a morire in modo orribile non molto tempo dopo averlo incontrato. Ma un personaggio misterioso noto come The Duke è una presenza amichevole costante. È un mercante con una personalità stranamente enigmatica e sembra sempre un passo avanti a te. Gira un angolo in una nuova area e lo troverai lì, che fuma silenziosamente un sigaro, aspettando con impazienza la tua moneta. Vende armi, munizioni, progetti di creazione e altre cose utili e acquisterà qualsiasi tesoro tu possa raccogliere, inclusi i resti cristallizzati dei boss, che hanno sempre un prezzo ordinato.

A volte Village può sembrare una mezza dozzina di giochi horror diversi confusi insieme. Ma la forza e la varietà delle sue idee, la qualità della direzione artistica e la sua atmosfera cupamente evocativa lo compensano. È un gioco horror audace e sperimentale, ma anche uno che si appoggia alle glorie passate della serie, in particolare Resident Evil 4. Qui c’è molta reinvenzione di Mikami del 2005, dall’enigmatico mercante e aggiornamenti delle armi, all’ambientazione rurale e agli abitanti dei villaggi corrotti. Ma alla fine, Village è il suo gioco con una propria identità, e gli elementi che prende in prestito dai precedenti sequel non lo definiscono mai. Questo è un gioco horror di qualità a sé stante e la prova che Resident Evil ha ancora il potere di emozionare, sorprendere e spaventare a 25 anni di distanza. Voto 8 gioco che vi terrò incollati per almeno una 20ina di ore.

fonte paladini del videogioco

Short URL: https://www.sicilialive24.it/?p=132124

Scritto da su mag 5 2021. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, Gamestation, IN EVIDENZA. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2021 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes