Home » ARCHIVIO ARTICOLI, Gamestation, IN EVIDENZA » Recensione di Song of Horror per Xone Series X/S

Recensione di Song of Horror per Xone Series X/S

Song of Horror è un survival horror di 5 episodi dello studio indipendente spagnolo Protocol Games; Si dice che Song of Horror ricordi i classici giochi horror in terza persona, con una prospettiva a telecamera fissa ed elementi di esplorazione e risoluzione di enigmi. Tutti questi ingredienti lo hanno reso molto intrigante da affrontare e vedere quanto bene catturasse lo spirito di quei vecchi giochi.

Una delle maggiori influenze di Song of Horror è la serie Alone in the Dark , con ambientazioni inquietanti e una storia abbastanza buffa sul mondo intellettuale che si imbatte nel paranormale attraverso alcuni antichi artefatti. Per la maggior parte, le influenze che trae da AITD sono abbastanza buone. La versione da noi provata è su Xbox Series S.

La grafica e gli ambienti ispirati a Alone in the Dark sono probabilmente la parte migliore del gioco. Molte delle ambientazioni sono uniche e suggestive, con piccoli dettagli inquietanti sparsi ovunque. C’è anche molta diversità nei tipi di luoghi che esplorerai, dalle antiche chiese e cimiteri alle università, ai palazzi e ai condomini. Anche i design delle creature/nemici sono ben fatti e cambiano forma molte volte nel corso del gioco. Gli incontri con i nemici non mancano mai di ispirare paura. La musica e gli effetti sonori sono ben fatti, rendendo la maggior parte delle scene tese e le paure piuttosto efficaci nel complesso. È quando inizi a mescolare molti degli altri elementi di gioco che le cose iniziano davvero a cadere a pezzi nel titolo di Protocol Games. Una delle meccaniche principali del gioco è la perma-death, dove ogni volta che muori, il personaggio è morto per il resto dell’episodio e devi scegliere tra uno degli altri tre disponibili. Dopo che tutti e quattro i personaggi in quell’episodio sono spariti, devi ricominciare l’episodio da capo. Questo rende i continui incontri con i nemici molto più fastidiosi e stancanti dopo poco tempo. Ogni episodio di Song of Horror dura da 1,5 a 3 ore.

In conclusione Song of Horror è uno dei migliori giochi horror indipendenti in circolazione. Prendendo gli aspetti chiave dei classici di genere come Silent Hill e Resident Evil, e combinandoli con una conoscenza enciclopedica del genere in altri media, Song of Horror sin merita il Voto di 7,5

fonte paladinidelvideogioco.it

Short URL: https://www.sicilialive24.it/?p=137232

Scritto da su giu 4 2021. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, Gamestation, IN EVIDENZA. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2021 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes