Home » ARCHIVIO ARTICOLI, SCRIVI ALLA REDAZIONE, SECONDO PIANO » Dopo Ballarò prende posizione Eleanna Durante, la politica agrigentina ne esce malissimo, un festival dell’ipocrisia e dei moralizzatori del giorno dopo

Dopo Ballarò prende posizione Eleanna Durante, la politica agrigentina ne esce malissimo, un festival dell’ipocrisia e dei moralizzatori del giorno dopo

eleanna durante

Riceviamo e pubblichiamo una nota di una agrigentina Eleanna Durante dopo la trasmissione Ballarò e i costi della politica e le indennità di carica che hanno riguardato il Sindaco Firetto e l’Assessore Biondi.

Ritorna “Ballarò” ad Agrigento. Cambia tutto per non cambiare niente?

Il servizio del noto programma di RaiTre, preparato dal giornalista Alessio Lasta, ci mostra l’ assessore Beniamino Biondi ed il  sindaco di Agrigento, Calogero Firetto, come i maggiori colpiti dal punto di vista mediatico nella vicenda.

Ma cosa è successo nell’effettività dei fatti? Salta, purtroppo, all’occhio una eliminazione di 80.000 dal fondo dei gettoni di commissioni consiliari, per farli poi ricomparire del capitolo relativo alla giunta comunale, portando le indennità della Giunta ai massimi livelli previsti.

Tralasciando per un attimo la presunta “illegalità morale” dell’atto, bisognerebbe porre l’attenzione sul fatto che Agrigento passi ormai alla ribalta della cronaca, addirittura nazionale, come città di uomini contraddittori, di idee antitetiche, come la città degli opposti.

Ma una domanda provocatoria che mi verrebbe da fare è questa: “cosa facciamo noi cittadini per questa città, se non lamentarci in maniera sterile per il raggiungimento di un effettivo cambiamento?” .

Il “chistisemu” riecheggiante per un po’ di tempo, potrebbe ritornare nelle bacheche facebook della maggior parte dei cittadini di Agrigento, perché molto spesso, è più facile nascondersi dietro lo schermo di un computer e criticare che combattere attivamente.

La colpa è solo dunque dell’amministrazione comunale o anche dei cittadini che hanno dato il meglio di loro distruggendo i vasi in ceramica, del furto dei FINTI PACCHI DONO sotto l’albero di Piazza Stazione o stando in silenzio dopo l’arresto dell’ imprenditore Marco Campione?

Il “chistisemu” non deve essere una scusante per peggiorare ma per migliorare la visione regalata su un piatto d’argento all’Italia dell’Agrigentino medio.

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=51533

Scritto da su dic 23 2015. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, SCRIVI ALLA REDAZIONE, SECONDO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2021 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes