Home » ARCHIVIO ARTICOLI, PAROLA DI PACE, PRIMO PIANO » Buon lavoro Assessore.Alberto Samonà spegne le polemiche e può far ripartire i beni culturali in Sicilia.

Buon lavoro Assessore.Alberto Samonà spegne le polemiche e può far ripartire i beni culturali in Sicilia.

Alberto-Samona-

Uno degli Assessorati cardini in Sicilia i Beni Culturali,ha finalmente un capo e una guida politica,dopo la tragica scomparsa 14 mesi fa di un genio del settore dell’archeologia,della cultura,dell’arte e dell’Accademia: Sebastiano Tusa.

Il Presidente Musumeci aveva detto che almeno per un anno non avrebbe toccato la casella dei beni culturali per rispetto della memoria del Prof.Tusa.

Trovare un degno sostituto non era cosa facile,adesso finalmente dopo polemiche stucchevoli e una levata di scudi anti leghista per un’eventuale entrata in giunta di un nome che potesse non essere all’altezza,si è trovato con Alberto Samonà un nome che ha azzerato le critiche ante litteram.Purtroppo i dissensi si sono propagati sui social e da parte di certa stampa e di opinione pubblica che hanno messo autentici muri e una sorte di conventio ad excludendum a qualsiasi nome che non rappresentasse degnamente la cultura siciliana,la competenza e l’identità del popolo isolano.

E invece dopo aver bruciato una serie di nomi dal Sindaco di Furci Siculo,Francilia,dall’Assessore all’ecologia di Catania Cantarella con la nomina di Samonà anche gli oppositori politici e la presunta intellighenzia siciliana hanno dovuto ammettere che il giornalista-scrittore non è un fuori ruolo o un incompetente,per tradizioni familiari,personali e storia curriculare e professionale.

C’è da capire come intende operare Samonà che è un giornalista professionista e uno scrittore con una tradizione di destra e come intende gestire un Assessorato importante e decisivo per il rilancio della Sicilia quale quello dei beni culturali.

Un Assessorato monstre 2476 dipendenti,tra Dipartimento,Soprintendenze,Musei,Parchi Archeologici e naturali,biblioteche e soprintendenze del mare.

L’idea di Tusa era quella di costituire una rete a ventaglio che potesse creare feed-back tra i 77 siti museali e archeologici.Soprattutto si potrà riprendere,dopo i quasi tre mesi di coronavirus il percorso del turismo culturale nell’isola.Senz’altro è una fonte di ricchezza che vale da sola una buona fetta del Pil Siciliano.Nel 2018 si erano toccati 28 milioni di euro in sbigliettamento dal Parco Archeologico Valle dei templi al teatro greco di Taormina e alla crescita di altri siti culturali da Siracusa a Morgantina e quindi da oggi c’è da lavorare intensamente per recuperare un inizio anno da tregenda.

Anche perché siamo in Europa,la regione con sette siti patrimonio dell’Umanità.E spaziamo dai greci,agli arabo-normanni ed altro.

La cultura è in buone mani ,si è scelto un nome gradito,un po’ da tutti,adesso tocca a lui dimostrare che il percorso di Tusa seppur tra le mille difficoltà del momento può essere continuato.

Il Teatro di Sciacca voluto dal nonno e dello zio del neo-Assessore deve essere rilanciato,non può restare un inno allo spreco come tanti altri siti culturali e monumentali che hanno bisogno di continue cure.

Anche se non possiamo permetterci ancora le nomine del cosiddetto sottogoverno con la cultura.L’ultima infornata di nomine dei Presidenti dei Parchi,ha fatto sobbalzare gli occhi a molti siciliani, in quanto Musumeci ha applicato il Cencelli più che le professionalità hanno prevalso i vecchi giochi della politica che sembrano mettere al primo posto gli appetiti famelici dei partiti di maggioranza.

Questa logica,caro Assessore,deve essere espunta: un Parco,un gabinettista,un Soprindentente,un Dirigente Generale,un capo Gabinetto,un Direttore devono avere know-how e devono dare un imprinting all’azione del suo Assessorato e delle appendici che Lei governa.

Noi le facciamo gli auguri di buon lavoro e sappia che da collega giornalista e da siciliano che crede nei beni culturali non le riserveremo nessuna indulgenza e nessun onore.

Sappia solo valorizzare e far bene il suo lavoro,Lega o non Lega,amico di Musumeci,i beni culturali e l’Assessorato che dirige vengono prima di ogni cosa e di ogni logica politica.

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=123175

Scritto da su mag 18 2020. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, PAROLA DI PACE, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes