Home » ARCHIVIO ARTICOLI, PAROLA DI PACE, POLITICA, PRIMO PIANO » Agrigento la nuova geo-politica di Aula Sollano,un terzo donne.Simone Gramaglia di Forza Italia,salvo mal di pancia interni,sarà il nuovo Presidente ?

Agrigento la nuova geo-politica di Aula Sollano,un terzo donne.Simone Gramaglia di Forza Italia,salvo mal di pancia interni,sarà il nuovo Presidente ?

wpid-wp-16034643954306444279190287944105.jpg

 

Nel giorno del giuramento ufficiale della nuova giunta di Franco Miccichè per i 2/3 civica e per 1/3 partitica con Forza Italia,Diventerà Bellissima e Fratelli d’Italia si dà lo start al governo della città.Strano ma vero,i tre partiti di centrodestra hanno nominato i primi dei non eletti,nel lessico popolare chiamati i trombati.

La prossima settimana sarà chiaro oltre al Vicesindaco designato, il Dott.Aurelio Trupia che quasi sicuramente avrà assegnate deleghe economiche per il suo curriculum di commercialista, avremo la mappatura degli Assessori con ruoli e funzioni.

Vedremo se ci saranno deleghe nuove come le politiche di integrazione o l’emergenza Covid a causa dell’innalzamento dell’indice di contagio che in Sicilia comincia a preoccupare.

La notizia è di oggi: al San Giovanni di Dio ci sarà un’implementazione con altri 28 posti letto Covid.

Speriamo che per eventuali situazioni di criticità siano fruibili di personale medico, parasanitario e con tutti gli ausili e presidi medicali per evitare scene che non vorremmo mai raccontare.

Sul Covid Center del Parlapiano di Ribera dopo 7 mesi è calata una cortina di silenzio.

Aspettiamo celerità e chiarezza dal giovane Assessore Regionale alla Salute Razza e dai tre moschettieri agrigentini: il Presidente della VI° Commissione sanità all’Ars,Margherita La Rocca Ruvolo, Carmelo Pullara Vice e Riccardo Gallo componente che finora non hanno alzato né la linea Maginot, né l’artiglieria pesante nei confronti del governo-amico di Nello Musumeci

A oggi nessuna data in agenda per la piena fruibilità della struttura crispina, sarebbe il caso di dire di Firettiana memoria,di chi è la colpa ?

Sicuramente non dei comuni cittadini agrigentini sempre più in ambasce.

Tornando alla politica di Aula Sollano, il gioco comincia a smuoversi: pedoni, cavalli, re e regina hanno iniziato il gioco della Torre d’Avorio.

Un consiglio che nei prossimi 5 anni avrà un peso politico non indifferente, con la spending review i rappresentanti del popolo sono scesi a 24.Ogni consigliere rappresenta più di duemila aventi diritto al voto. Se poi il Libero Consorzio di Agrigento aspetta l’organo politico dai tempi del Governissimo di Letta, abbiamo la cifra di quanti secoli è sparita la politica provinciale.

Facciamo la Tac politica ai nuovi inquilini.

La prima novità sarà il consiglio più rosa di sempre, esattamente il 33% si colora al femminile,un record.

Alle uscenti Teresa Nobile,la più votata tra il gentil sesso e Margherita Bruccoleri, molte facce nuove.

Per Diventerà Bellissima la Alongi e la Zicari tutte e due figlie d’arte.

Per il gruppo civico di Miccichè la Cirino e la Settembrino continuano la tradizione dei Papà.

La Bongiovì è stata eletta con Firetto e l’architetto Flavia Contino,consigliera più giovane con i suoi 27 anni è stata eletta con Cambiamo Rotta.

Gli uscenti sono 11,con riconferme e grandi ritorni:Vullo e Spataro autentici tank di preferenze e poi i riconfermati: Sollano,Gramaglia,Vaccarello,Civiltà,Amato,Hamel e Vitellaro.

E infine i ritorni del medico Francesco Alfano già Presidente del consiglio,del già Assessore Provinciale Carmelo Cantone nel secondo Fontana alla Provincia e le novità dei giovani Cacciatore nipote del medico Gino e Mario Fontana che prende il posto del nonno e del padre all’interno dell’assise comunale. E poi le new entry a destra con i Fratelli d’Italia,con Piparo primo eletto e La Felice che attraverso un gioco di ingegneria politica hanno salvato capre e cavoli, il secondo viene eletto con la minoranza e salva la Zicari nella maggioranza e politicamente vanno all’incasso con Ciulla e l’Assessorato,le solite falle di leggi che partoriscono gli scienziati dell’Ars.

“Last but not least” la sorpresa di Lillo Firetto,candidato Sindaco miglior perdente che dopo una vita, avrà il ruolo di oppositore, anche a lui non possiamo che fargli il classico in bocca a lupo.

Una grande responsabilità per i neo-eletti e buon lavoro a tutti è quanto meno doveroso.

E’ iniziata però la guerra intestina in Forza Italia per la Presidenza, voci molto insistenti che si rincorrono dall’interno del partito azzurro e in città parlano di un’autentica fronda tra gli amici di Simone Gramaglia, arrivato primo con oltre 500 voti e l’area più governista di Gallo e Caci che vogliono recuperare Giovanni Civiltà che è stato eletto grazie all’apparentamento.

Sembra che la logica del “Divide et impera” non funziona e il gruppo del consigliere azzurro più votato ha le sue legittime ragioni politiche ed elettorali se non gli verrà riconosciuto lo scranno Presidenziale.

Mancano meno di due settimane e un po’ per tutte le poltrone comincia a serpeggiare il nervosismo, ricordiamo che il Cencelli ad Agrigento è costellato di tradimenti, tragedie,nani e ballerine.

Per l’epilogo siamo in trepidante attesa.

 

 

 

 

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=128575

Scritto da su ott 23 2020. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, PAROLA DI PACE, POLITICA, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes