Home » ARCHIVIO ARTICOLI, PAROLA DI PACE, POLITICA, PRIMO PIANO » Agrigento.Da un mese è finita la zona Franca,adesso la concretezza del governo di Franco Miccichè

Agrigento.Da un mese è finita la zona Franca,adesso la concretezza del governo di Franco Miccichè

 

Franco Miccichè Sindaco

Nei duemila e seicento anni di storia dai coloni rodio-cretesi ai giorni nostri, uno dei risultati più incredibili di questo annus horribilis per la città di Agrigento è stata l’elezione di un Sindaco, Franco Miccichè,forse il primo cittadino più normale della storia amministrativa della città dal ’46 a oggi.

La domanda sorge spontanea a un mese da questa straordinaria vittoria di Franco Miccichè che per molti liberi pensatori dell’Akragante è stata la sorpresa amministrativa della giornata.

Infatti gli stessi censori che diffidavano di poter dare le chiavi del Palazzo dei Giganti  a un unfit adesso si sono ricreduti.

Oggi, a un mese, gli stessi criticoni e rosiconi cominciano a ricredersi, certo un mese è troppo poco, ma sotto il cielo della Valle dei Templi pian pianino una rivoluzione dell’ordinarietà sembra un’impresa titanica.

Eppure gli epiteti che hanno scaricato alcuni avrebbero depresso qualunque uomo,la risposta di Franco Miccichè ai continui insulti più che critiche (Il salice piangente,Jimmy il Fenomeno,l’8 x 1000,Alvaro Vitali),è stata sempre univoca “frangar non flectar”.

Questa è la migliore risposta che un uomo normale assurto alle cronache per aver asfaltato i competitors con la massima semplicità in una competizione dove tutti gli pseudo sondaggisti da strapazzo locale lo vedevano ampiamente sconfitto per altri candidati sopravvalutati dagli stessi operatori della politica, per fortuna parte minoritaria e perdente della città davanti a un microfono non riesce a proferire verbo.

Andiamo ora alla politica amministrativa che è la cosa che interessa più la gente.

Agrigento uscirà dalla marginalizzazione sociale e geo-politica ?

La risposta è:lo vedremo in corso d’opera.

La squadra di governo è ancora presto per dare un giudizio preventivo, l’impegno c’è e vedremo se quei filtri collaborativi con il governo regionale e nazionale potranno essere forieri di risultati.

Alberi potati, buona iniziativa, finalmente non solo nelle vie principali ma anche nelle periferie.

Viabilità,momentaneamente su proposta del consigliere Simone Gramaglia è stata sospesa la Ztl in Via Atenea,decisione poi presa dalla giunta che appare corretta.

Apertura veicolare di Piazza Pirandello anche a scendere costeggiando il Palazzo di Città,c’è chi approva, c’è chi storce il naso, il tempo forse è il migliore arbitro.

Belvedere Modugno, aperto al posteggio delle macchine, decisione secondo molti azzardata è provvedimento da valutare.

Servizio porta a porta della raccolta della differenziata con i relativi e bruttissimi mastelli ancora poco o nulla,deve essere normalizzato.

Ci sono cittadini che vivono in abitazioni con scale comunali con 100 scalini e sono costretti,visto che gli operatori ecologici non arrivano in quei punti, a dover depositare il mastello anche a 200 metri da casa, scendendo sempre quei bruttissimi e pericolosissimi 100 scalini.

Autentica follia che va sanata, domanda che giriamo all’Assessore al ramo Trupia e alle ditte incaricate del servizio.

Eterne incompiute, Museo Civico e Porta dei Saccaioli, arrivano notizie che mancano ancora i fondi per riaprire al pubblico e alla fruibilità queste due importanti beni cittadini.

Intermodalità viaria e parcheggi: c’è molto da fare, dal pluripiano di Piazzale Rosselli e l’eterno ping pong in atto tra ditta e comune, un’opera progettata per i mondiali di Italia ’90 finora rimasta incompiuta.

Il Pums a oggi appare solo un master plan,ergo c’è da riprogrammare i servizi e gli scambi, ci dicono che gli autobus della Tua per i turisti e i residenti è un supplizio: partire da Villaggio Mosè per il Duomo è peggio delle fatiche di Ercole.

Tassa di soggiorno: vedremo quando si concluderanno tutti i passaggi e la quota disponibile possa essere fruibile per la miglioria dei servizi turistici.

A proposito dal 14 novembre Franco Miccichè è Presidente del Distretto turistico, anche qui si aspetta una rivoluzione copernicana e un repulisti che grida a gran voce la città.

Il tempo delle cattedrali per qualcuno è ampiamente finito.

Stesso discorso per la burocrazia, prende quota decisamente Gaetano Di Giovanni, ormai in versione multitasking da un settore all’altro e inoltre fresco capo gabinetto.

Si aspettano i botti per l’urbanistica e i lavori pubblici, i boatos a parte Gaetano Greco parlano di sorprese a breve, ci sarà un nuovo segretario comunale entro fine mese,sul nome finora il massimo riserbo.

Gabinetto e staff del Sindaco totalmente rinnovati,ci saranno certamente due uomini e una donna e un deciso colpo di cesoia rispetto al passato.

Per i 180 dipendenti contrattualizzati c’è moltissimo da fare,sono a 25 ore per riorganizzare gli uffici e i settori strategici, servono impegno e professionalità per implementare risorse umane dove c’è sotto organico.

Ebbene  sì, anche con 480 dipendenti ci sono delle carenze che vanno colmate, senza favoritismi e interventi fuori dal tempo di sigle sindacali.

Ci aspettiamo molto dalla digitalizzazione e da Agenda Urbana, vedremo se la macchina obsoleta possa finalmente partire proprio in un momento emergenziale.

Assistenza Covid delega che ha tenuto a sé il Sindaco, certamente va migliorata la rete territoriale dei servizi psicologici e assistenziali oltre agli aiuti economici e dei beni di prima necessità.

La buona notizia che dalla prossima settimana saranno pagati i buoni spesa dall’Emergenza Covid da parte dell’Assessorato regionale alla famiglia con le somme già nelle casse comunali, alcuni cittadini sono in stato di indigenza.

Ed è pronto un nuovo bando  sempre per i buoni spesa per le famiglie che ne hanno diritto seguendo i parametri che la regione ha indicato.

Si spera che entro il 31 dicembre si possa spendere tutta la prima tranche dei 350 mila euro in capo al Comune di Agrigento.

Dopo Natale faremo il secondo step all’amministrazione Miccichè e alla sua squadra.

 

 

 

 

Short URL: http://www.sicilialive24.it/?p=129521

Scritto da su nov 15 2020. Archiviato come ARCHIVIO ARTICOLI, PAROLA DI PACE, POLITICA, PRIMO PIANO. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Salta e vai alla fine per lasciare una risposta. Pinging non è attualmente consentito

Lascia un commento

© 2020 SiciliaLive24.it. All Rights Reserved. Accedi

- Designed by Gabfire Themes